Ultime notizie

I progetti degli studenti della IV C sezione ARCHITETTURA E AMBIENTE selezionati dal Miur

I progetti degli studenti della IV C sezione ARCHITETTURA E AMBIENTE selezionati nell’ambito del Concorso Nazionale indetto dal Miur NEW DESIGN 2015 "LA CREATIVITA' NELL'ISTRUZIONE ARTISTICA ITALIANA”.

Due progetti degli studenti della classe IV C sezione ARCHITETTURA E AMBIENTE sono stati selezionati nell’ambito del Concorso indetto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca NEW DESIGN 2015 "LA CREATIVITA' NELL'ISTRUZIONE ARTISTICA ITALIANA"CONCORSO NAZIONALE riservato al triennio dell'Istruzione Artistica.

Il tema di quest'anno era  “NEW ITALIAN FOOD”. 

Entro il 25 giugno gli studenti selezionati dovranno spedire il modello /prototipo in scala 1:1

Si allega la  lettera del Ministero che dà comunicazione della selezione.

E’ possibile visualizzare l’elenco degli Istituti scolastici selezionati sul sito dedicato www.new-design.it, al link “progetti selezionati”.

Di seguito riportiamo la descrizione dei progetti:

"GOOA" è l’acronimo di: "Gusto Oltre Ogni Aspettativa", oppure "Giubellino O O (corrispondente ai pulsanti) Aloi".

Questo apparecchio nasce dall’idea di dare la possibilità di cucinare pasti caldi anche in situazioni di emergenza o in assenza di corrente elettrica.

L’energia necessaria infatti è fornita unicamente dall’energia meccanica ottenuta o girando manualmente una manovella laterale o collegandola, con una cinghia, a una bicicletta o all’apposita pedaliera. L’energia così prodotta viene trasformata con una dinamo.

Questa accende due lampade a infrarossi da 1000W, potenziate da un sistema di specchi in vetro temprato che riflettono le onde elettromagnetiche, che riscaldano la camera in cui viene posto il cibo.

Questo sistema può raggiungere i 200° con due differenti potenze e opzioni di cottura. Si può infatti decidere se accendere entrambe le lampade o solo una. Come i comuni forni è isolato con uno strato di feltro e dispone di più ripiani estraibili per posizionare teglie o pentole. L’interfaccia è molto semplice, composta solamente da due pulsanti, corrispondenti alle lampade.

Può essere agevolmente trasportato da una persona con l’apposito carrello o da due grazie alle maniglie poste ai lati. In questo modo può raggiungere aree isolate o difficilmente accessibili.

È un oggetto utile, utilizzabile ovunque e che può aiutare molte persone in modo semplice ed ecologico. Inoltre promuove l’esercizio fisico.

 Il depuratore è un oggetto pensato per situazioni di emergenza dovute a calamità naturali, guerre o situazioni di estrema povertà. Serve a depurare l’acqua che può provenire da pozzi, laghi o fiumi. E’ un oggetto ecologico, non consuma energia elettrica e non inquina, funziona ad energia solare tramite una serie di pannelli fotovoltaici.

 Sui due lati maggiori  sono collocati i pannelli fotovoltaici da 12 volt l’uno.

All’interno del carrello sono situati: il contenitore dell’acqua da 30 litri, il depuratore con la vaschetta di scarto, l’inverter e la batteria.

L'acqua sporca attraverso una pompapuò essere prelevata da pozzi, fiumi, laghi o semplicemente l’acqua piovana. Dal depuratore parte una pompa che porta l’acqua a un filtro a sabbia, seguito da uno a carbone attivo che serve a trattenere l’ipoclorito (ClO). Passa poi attraverso un filtro a raggi UV per togliere la carica batterica.

Infine per il principio dell’osmosi inversa, l’acqua ormai depurata, va nel contenitore apposito e il residuo nella vaschetta di scarto che può essere svuotata quando è necessario eliminando i rifiuti nell’ambiente come compost o in appositi contenitori.

Questo ultimo passaggio è azionato da galleggianti presenti sia nel depuratore che nel contenitore dell’acqua, che segnalano il livello massimo e minimo.

Il tutto è collegato da una batteria che riceve l’energia dall’inverter che trasforma il calore ottenuto dai pannelli fotovoltaici.