Ultime notizie

Alda Merini-l'amore, la follia, la poesia: leggi i versi della poetessa recentemente scomparsa

Alda Merini - l'amore, la follia, la poesia: leggi i versi della poetessa recentemente scomparsa

MERINI: "FUORI DAL CORO COME IL PITTORE LIGABUE"

«Alda Merini è stata ed è una voce unica perché non è uscita dai consueti rivoli istituzionali, una voce del tutto originale, prorompente ed emozionate»: questa la testimonianza di Elisabetta Sgarbi ai microfoni di Cnr Media, una volta raggiunta dalla notizia della morte di Alda Merini.

«Alda Merini è stata ed è una voce unica perché non è uscita dai consueti rivoli istituzionali, una voce del tutto originale, prorompente ed emozionate»: questa la testimonianza di Elisabetta Sgarbi ai microfoni di Cnr Media, una volta raggiunta dalla notizia della morte di Alda Merini. «È una voce così diversa che mi fa pensare all'originalità che poteva avere un pittore come Ligabue» continua la Sgarbi, che tante volte aveva incontrato la poetessa milanese scomparsa nel pomeriggio: «La sua autenticità era fuori da qualunque punto di confronto o di riferimento. Alda era una persona assolutamente libera. Mi piaceva la sua vitalità, questo suo continuamente sconcertare l'interlocutore. Era sempre lì con una forza che trasudava una vera umanità come quella di certe grandi donne, come Fernanda Pivana, anche lei scomparsa da poco». Forse pochi i riconoscimenti ufficiali assegnati alla Merini in vita, ma la direttrice della Milanesiana non si stupisce e spiega: «L'originalità viene sempre associata a qualche cosa che deviando porta con sé la stranezza. Questo certo non le faceva giustizia, però credo che ci siano intellettuali che l'abbiano riconosciuto e anche la città di Milano avrà il tempo di darle ulteriori riconoscimenti». CNR Media - 01/11/2009

MERINI: "ERA UN MISTO DI INGENUITA' E GRANDE SAPIENZA"

Una persona straordinaria, con un umorismo incredibile che applicava anche a se stessa: così Dacia Maraini ai microfoni di CNRmedia ricorda la poetessa milanese Alda Merini, scomparsa nel pomeriggio per un male incurabile.


Una persona straordinaria, con un umorismo incredibile che applicava anche a se stessa: così Dacia
Maraini ricorda ai microfoni di CNRmedia la poetessa milanese Alda Merini, scomparsa nel pomeriggio per un male incurabile. «Sapeva ridere, di sé e degli altri, e aveva uno sguardo acutissimo sulle cose del mondo» dice la Maraini, che tante volte aveva incontrato la poetessa: «Poi però era di un'ingenuità... Quasi come se cadesse dalla luna. Era bello questo misto di ingenuità e grande sapienza». Sulla mancata assegnazione del Nobel la Maraini non ha dubbi: «Lo avrebbe meritato, mi dispiace tanto che sia morta prematuramente. Poteva vivere ancora molto e avrebbe scritto ancora tante poesie, aveva una freschezza e una giovinezza che si portava dietro nonostante gli anni». «Dobbiamo continuare a leggerla perche' lei continuera' a vivere attraverso i suoi scritti» conclude la Maraini, che non manca di ricordare come l'empatia di cui era capace la Merini derivasse anche dalla sua esperienza in manicomio: «Era stata rinchiusa quando ancora esistevano i manicomi, che poi erano delle prigioni. Lei ha sofferto tanto sulla sua pelle e solo tardi e' stata riconosciuta come scrittrice ed e' stata molto amata come poetessa». CNR Media - 01/11/2009

MORTA A MILANO POETESSA ALDA MERINI

La poetessa Alda Merini, 78 anni, e' morta oggi pomeriggio alle 17.30 all'ospedale San Paolo di Milano, nel reparto di oncologia
.

Alda Merini era nata nel capoluogo lombardo il 21 marzo del 1931. Era considerata la piu' grande poetessa italiana vivente. Aveva cominciato a scrivere giovanissima, a 15 anni la pubblicazione del suo primo libro " La presenza di Orfeo". La sua vita fu segnata dalla malattia. Dopo un periodo di difficolta' nel 1979 torno' a scrivere, pubblicando i suoi testi piu' intensi sull'esperienza in manicomio. Nel 1996 era stata proposta per il premio Nobel per la Letteratura dall'Academie Francaise. Tra i suoi lavori ricordiamo " La terra santa" e "L'altra verita', diario di una diversa" scritto in prosa. L'ultima raccolta di poesie e' "Le briglie d'oro".  CNR Media - 01/11/2009